Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Impegno ambientale in Finlandia

Un’altra delle grandi differenze tra l’Italia e paesi come la Finlandia è il concreto impegno ambientale di questi ultimi, che nel caso specifico si può notare tanto nella città di Helsinki, tanto nei villaggi più piccoli e isolati che abbiamo attraversato, e anche sulle strade.

Tutto, assolutamente tutto, è pulito e curato in maniera impeccabile. Gli stessi boschi sembrano essere stati puliti da qualcuno (la realtà è che nessuno li sporca). E nemmeno s’incontrano ruderi o spazi abbandonati che impattino negativamente sul territorio circostante.

Le strade principali sono costruite rispettando la natura. Se c’è un’altura o un lago non si distrugge o si attraversa: ci si gira attorno. I cottage solitari vicino ai laghi sono di solito costruiti e collocati in modo tale che dal lago quasi non si vedono, ossia è sempre lasciata una o due file di alberi tra la casa e la riva del lago.

Uno degli aspetti più sorprendenti, dal mio di vista, riguarda i “diritti di libero transito” che esistono in Finlandia e che fanno sì che tutti possano circolare liberamente nella natura (boschi e terreni privati) e raccogliere frutti e funghi, indipendentemente da chi sia il proprietario del terreno; è inoltre consentito accampare in pratica in qualunque sito, sempre che non si trovi troppo vicino alle case e che non si disturbi i suoi abitanti, né che si lascino rifiuti… e qualche altro esempio in più (se trovo il link lo aggiungerò). La questione è che questi diritti generali di transito si sono convertiti in una vera e propria tradizione e probabilmente hanno gettato le basi per una propensione positiva della popolazione verso la salvaguardia dell’ambiente.

Nei Parchi Nazionali non ci sono cassonetti per i rifiuti e nonostante ciò sono immacolati: ogni visitatore è responsabile di se stesso e di riportarsi indietro i propri rifiuti.

Un’altra cosa è il riciclaggio: la prima volta che siamo andati a un supermercato della Finlandia siamo rimasti colpiti da ciò che abbiamo dedotto essere “contenitori di riciclaggio”: una sorta di sportelli automatici con un’apertura circolare incassati nella parete. In seguito ci ha lasciato a bocca aperta vedere una signora che, dopo aver depositato bottiglie e lattine e premuto un pulsante, ha ricevuto da uno di questi “sportelli” un piccolo foglio: era uno sconto in euro per la sua prossima spesa d’importo proporzionale al numero di lattine e bottiglie che aveva restituito. E non ce l’abbiamo fatta più quando abbiamo visto un uomo “enorme” (tipo vichingo) che scaricava dalla propria automobile, per caricarle su un carrello, centinaia di bottiglie e lattine vuote. Ti pagano per riciclare! È ovvio che i finlandesi riciclino e differenzino i loro rifiuti.

Nella nostra seconda visita al supermercato abbiamo provato l’esperienza con alcune bottiglie e lattine che avevamo utilizzato. Vi assicuro che vi restituiscono soldi: 0,15 € a lattina e fino a 0,45 € a bottiglia. Ciò dà da pensare sulle nostre amministrazioni e le nostre pratiche di riciclaggio, no?

Riciclaggio in Finlandia

Non ricordo altri esempi, però, in definitiva, e come in altri ambiti, l’attitudine della cittadinanza e governativa nei confronti della natura è tutta focalizzata verso la sua tutela, seguendo semplici pratiche e costumi e, soprattutto, basandosi sul rispetto proprio e mutuo. Che ne pensate?

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.